1949

La storia dei miei nonni è quella di attenti vignaioli che vendono sia uva al mercato di Alba, e che vino nella vicina pianura pimontese e in Liguria.
Nel 1949 mio padre Orlando classe 1936, figlio unico, rimane orfano di padre all’età di 13 anni. Le terre di famiglia vengono affidate ad un mezzadro lungimirante che razionalizza la proprietà impiantando nuovi i vigneti nella frazione Cappelletto.

1960

Finiti gli studi, Orlando si dedica ad altre professioni ed intanto vinifica parte dell’uva della mezzadria.

1960

Finiti gli studi, Orlando si dedica ad altre professioni ed intanto vinifica parte dell’uva della mezzadria.

1973

Orlando decide di ritornare a lavorare la propria terra, una scelta di vita contro corrente in anni in cui il lavoro da dipendente in “città” offriva maggior sicurezza economica.
E’ in questo anno che viene etichettata la prima bottiglia di Barbaresco prodotta dall’azienda.

 “Erano anni in cui se ti spostavi a soli 20 km da qui non si sapeva cosa fosse il Barbaresco.”                       

 

Orlando Abrigo

1973

Orlando decide di ritornare a lavorare la propria terra, una scelta di vita contro corrente in anni in cui il lavoro da dipendente in “città” offriva maggior sicurezza economica.
E’ in questo anno che viene etichettata la prima bottiglia di Barbaresco prodotta dall’azienda.

 “Erano anni in cui se ti spostavi a soli 20 km da qui non si sapeva cosa fosse il Barbaresco.”                       

 

Orlando Abrigo

1981

L’arrivo della DOCG !

Il Barbaresco riceve il riconoscimento della DOCG, ed il ricordo è tutt’oggi per mio padre Orlando motivo di gioia, emozione ed orgoglio.

1986

Giovanni, secondo dei 4 figli di Orlando, al quarto anno della scuola enologica gestisce la sua prima vendemmia. Lavora prima e dopo la scuola, spinto da grande passione, inizia a trasferire in azienda le conoscenze acquisite con gli studi.

1988

Terminato l’Istituto Superiore “Umberto I” con specializzazione in enologia di Alba, Giovanni si iscrive al Corso di Enologia e Viticultura che concluderà qualche anno più tardi laureandosi Enologo. 
Questo è anche l’anno in cui Orlando, riconosciuta la preparazione e la passione del figlio lascia a lui la conduzione dell’azienda.

“Gianni mi disse subito di sì ma ad una condizione: che fosse stato lui a decidere tutto. Mi disse che per partire dovevamo rinnovare le attrezzature ed i locali della cantina .”                                                  

Orlando Abrigo

1988

Terminato l’Istituto Superiore “Umberto I” con specializzazione in enologia di Alba, Giovanni si iscrive al Corso di Enologia e Viticultura che concluderà qualche anno più tardi laureandosi Enologo.
Questo è anche l’anno in cui Orlando, riconosciuta la preparazione e la passione del figlio lascia a lui la conduzione dell’azienda.

“Gianni mi disse subito di sì ma ad una condizione: che fosse stato lui a decidere tutto. Mi disse che per partire dovevamo rinnovare le attrezzature ed i locali della cantina .”                                                  

Orlando Abrigo

1996

L’acquisto della prima vigna nel cru Montersino.
Fino ad allora i vigneti di nebbiolo da Barbaresco erano situati  nel  solo cru Merruzzano. Nel 1996 la gamma si completa con questa preziosa vigna di grande qualità.

2013

Fino ad allora ci siamo concentrati nell’acquisto di nuovi vigneti, in Valmaggiore-Vezza d’Alba vigneto di Nebbiolo, Neviglie e Neive vigneti di Nebbiolo e Nascetta.
La cantina viene pensata come luogo di “conservazione ” della qualità: locali poco alti, facilmente condizionabili e per la maggior parte interrati ove è possibile lavorare virare facilmente per gravità nelle fasi di vinificazione, affinamento e imbottigliamento.
Una struttura semplice e razionale.
Disegnata dall’Architetto Marco Ferreri, la nuova cantina è punto di avanguardia tecnica e qualitativa.

Oggi

Oggi l’azienda è gestita interamente da Giovanni Abrigo e dai suoi collaboratori,

Dai 3 ettari di terra originari, di famiglia l’azienda ora conta 21 ettari vitati di proprietà.